Ecologia Politica, anno 27mo, numero 7-8, luglio-agosto 2017

Sommario n. 7-8/2017

Editoriale. Questo numero – Giovanna Ricoveri e Giovanni Carrosio

In questo numero bimensile, vogliamo puntare i fari sulle due grandi questioni globali, che mettono a repentaglio la vita sul pianeta: le armi nucleari e il cambiamento climatico, affrontate rispettivamente in questo numero da Giorgio Nebbia e Riccardo Petrella. Gli altri articoli di questo numero della rivista illuminano aspetti diversi della questione ambientale come la plastica che resta sul fondo degli oceani ed è pericolosa tanto quanto il cambiamento climatico, il controllo del commercio delle sementi e dei fertilizzanti così come delle macchine agricole e dei fertilizzanti da parte di tre transnazionali agroindustriali, la speculazione edilizia della giunta Raggi a Roma.

Continua a leggere…

Basta con le bombe atomiche – Giorgio Nebbia

Il testo sopra riportato è la traduzione dell’articolo uno del UN “Treaty on the Prohibition of Nuclear Weapons”, firmato da 122, una larga maggioranza, dei paesi membri delle Nazioni Unite il 7 luglio 2017. Tale trattato pone, finalmente, le armi nucleari sullo steso piano delle altre armi di distruzione di massa vietate dalle Nazioni Unite.
L’abolizione delle armi nucleari è stata auspicata fin dall’alba dell’era atomica, dal quel 16 luglio 1945, settante due anni fa, quando gli Stati Uniti verificarono, con l’esplosione sperimentale di una “piccola” bomba atomica ad Alamagordo, nel deserto del New Mexico, che “la bomba” funzionava davvero; il lampo di luce “più brillante di mille soli” e il vento e la pressione provocati dall’esplosione fecero facilmente immaginare che cosa sarebbe successo se una bomba atomica fosse stata usata in guerra.

Continua a leggere…

Siccità all’italiana. La beffa criminale si aggiunge alla tragedia – Riccardo Petrella

Non si tratta di una commedia ma di una tragedia umana che ha coinvolto e coinvolgerà ancora per anni decine e decine di milioni d’Italiani.
La siccità attuale viene da lontano, non è una sorpresa ma una tragedia annunciata. i suoi effetti deleteri sono radicati in miopie, indifferenza collettiva, egoismi locali e di categorie sociali, e nella miseria etica e politica di una larga frangia delle classi dirigenti.
Essi si sentiranno ancora per tanto tempo anche se da domani si adottassero interventi strutturali, radicali, efficaci.

Continua a leggere…

A million bottles a minute: world’s plastic binge’s as dangerous as climate change – Sandra Laville e Matthew Taylor

A million plastic bottles are bought around the world every minute and the number will jump another 20% by 2021, creating an environmental crisis some campaigners predict will be as serious as climate change. New figures obtained by the Guardian reveal the surge in usage of plastic bottles, more than half a trillion of which will be sold annually by the end of the decade. The demand, equivalent to about 20,000 bottles being bought every second, is driven by an apparently insatiable desire for bottled water and the spread of a western, urbanised “on the go” culture to China and the Asia Pacific region.

Continua a leggere…

Verso un’agricoltura da incubo – Silvia Ribeiro

Il futuro del cibo non è più quello di una volta. Almeno per quanto riguarda l’agricoltura industriale. Il nome della Monsanto, la più nota cattiva dell’agricoltura transgenica, potrebbe presto scomparire dal mercato, se il suo acquisto da parte della Bayer sarà autorizzato – ma le sue intenzioni resteranno immutate. Le fusioni Syngenta-ChemChina e Dupont-Dow sono ancora in fase di analisi da parte delle autorità antitrust in diversi paesi. In caso di approvazione, le tre società risultanti controlleranno il 60% del mercato mondiale dei semi commerciali (e quasi il 100% delle sementi geneticamente modificate), oltre al 71% dei pesticidi, con livelli di concentrazione di gran lunga superiori alle norme in materia di monopolio di qualsiasi paese.

Continua a leggere…

Stadio di Roma. Il cedimento 5stelle alla speculazione – Paolo Berdini

Ci sono eventi che si caricano di date simboliche.
Il voto che conferma il pubblico interesse alla vergognosa speculazione fondiaria camuffata da stadio della Roma calcio è arrivato ieri, ad un anno esatto dalla elezione a sindaco di Virginia Raggi.
Nel breve volgere di 365 giorni, dunque, la giunta pentastellata che aveva acceso tante speranze di discontinuità nella conduzione della mala urbanistica romana ha sconfessato tutto il programma elettorale.

Continua a leggere…

Incontro con il mondo del lavoro – Papa Francesco

Buongiorno a tutti!
E’ la prima volta che vengo a Genova, e essere così vicino al porto mi ricorda da dove è uscito il mio papà… Questo mi dà una grande emozione. E grazie dell’accoglienza vostra. Il signor Ferdinando Garré: io conoscevo le domande, e per alcune ho scritto idee per rispondere; e tengo anche la penna in mano per riprendere qualcosa che mi venga in mente al momento, per rispondere. Ma a queste domande sul mondo del lavoro ho voluto pensare bene per rispondere bene, perché oggi il lavoro è a rischio. E’ un mondo dove il lavoro non si considera con la dignità che ha e che dà. Per questo risponderò con le cose che ho pensato e alcune che dirò al momento.

Continua a leggere…

Cinque ragioni per tornare all’esperienza radicale di don Milani – Franco Lorenzoni

“Io ero nella stanza accanto a fare scuola. Arrivò un ragazzino con una paginetta che diceva ‘Cara professoressa, lei è una poco di buono’ o cose simili. Io mi alzai e andai da don Lorenzo e gli dissi: E una porcheria! È il foglio di un ragazzo arrabbiato! Il priore mi domandò: La vuoi più bella? E noi la faremo più bella! Parlava sorridendo come uno a cui è venuta un’idea geniale; l’idea lo divertiva”. Così Adele Corradi racconta la scintilla che diede vita alla lettera più famosa della storia della pedagogia, scaturita dalla rabbia di un ragazzo che il suo maestro colse al volo, trasformandola nel cuore pulsante del suo laboratorio educativo per nove mesi, nel suo ultimo anno di vita.

Continua a leggere…

Cronologia dell’ambiente e dell’ambientalismo 1853-2000 – presentazione di Giorgio Nebbia al libro di Luigi Piccioni

Quando è nata l’ecologia? negli anni ottanta? Con il “nucleare”? nel 1970? I più informati citano il biologo tedesco Ernst Haeckel, che ha usato questa parola per la prima volta nel 1866.
Per capire qualcosa delle lotte attuali per la difesa della natura, della biodiversità, per rallentare il riscaldamento planetario, contro gli inquinamenti, contro le frane e alluvioni, è necessario fare un salto indietro e scoprire che, dalla metà dell’Ottocento, scienziati, intellettuali, scrittori, hanno denunciato le alterazioni dell’ambiente dovute alle attività umane: alle industrie, all’agricoltura intensiva, alla rapina del suolo e dei minerali e dell’acqua, alla speculazione edilizia.

Continua a leggere…

IN MEMORIA I 95 anni di Nicola Cipolla, un esempio per molte generazioni – Tonino Perna

Vuole la mitologia che la Sicilia prima dell’arrivo dei coloni greci fosse abitata da piccoli uomini sulla costa, neri e torsoluti, unitamente a giganti, una sorta di Titani che vivevano nel centro, il cuore dell’isola, proprio dove è nato Nicola Cipolla. Anche Omero si rifà a quel mito e si inventa l’incontro di Ulisse e i suoi marinai con Polifemo, il gigante con un solo grande occhio.
Nicola Cipolla era alto e massiccio, con una voce roboante ed inconfondibile come quella di Polifemo, di occhi ne aveva tanti.

Continua a leggere…

VIDEO Morire per difendere la terra

Lascia un commento