anno 24 – 02

CNS-Ecologia Politica, n. 3, nuova serie

 

Sottoscrizione

 

A un anno dalla messa in rete della nuova serie di CNS-Ecologia Politica, apriamo una sottoscrizione per far sì che la rivista possa continuare ad uscire e crescere. La nostra rivista, che esiste da oltre vent’anni, è un luogo di discussione e di diffusione della cultura dell’alternativa al sistema dominante, che non gode di alcun finanziamento, di nessun tipo. Ci rivolgiamo alla “comunità” di quanti ci seguono, autori e lettori, augurandoci che la proposta sia da voi ben accolta. Nelle more di riattivare la nostra associazione, Ricerche per l’alternativa, vi preghiamo di versare il vostro contributo su IBAN IT35E0359901899050188523726 - presso Banca Etica – intestato a Giovanni Carrosio, che è il nostro tesoriere.

 

Sommario, marzo 2014

 

Articoli

 

G.Avallone, F.Parascandolo, S.Torre, G. Ricoveri – Un paradigma per l’alternativa: beni comuni e comunità

Da oltre cinque anni il sistema dominante è in crisi e le politiche di austerità messe in atto per superare questa crisi ne hanno acuito le cause – dalla privatizzazione e mercificazione della natura alla finanziarizzazione dell’economia – e amplificato le conseguenze, come l’erosione della democrazia. La riscoperta dei beni comuni, in Occidente e in Italia, può essere letta pertanto come l’espressione del bisogno di comunità e di condivisione, in risposta all’individualismo avido e selvaggio del neoliberismo.

Continua la lettura…

Giovanni Carrosio – Energie rinnovabili e comunità locali

Aria, acqua, terra e fuoco, i quattro elementi fondamentali impiegati da Empedocle molti secoli fa per descrivere il mondo in cui viviamo, sono tra loro interconnessi. Il fuoco – l’energia – viene oggi utilizzato dall’uomo e consumato così dissennatamente, in particolare nelle sue forme fossili, da compromettere i cicli della biosfera, dando luogo ad un inarrestabile degrado dell’aria, dell’acqua, della terra. Il processo di privatizzazione dell’energia e di concentrazione economica negli ultimi due secoli è stato pari a quello degli altri elementi.

Continua la lettura…

Salvatore Lo Balbo – Edili Cgil: stop al consumo di suolo

Grazie agli assessori all’urbanistica delle aree metropolitane presenti e a quelli che, pur condividendo la nostra iniziativa, non sono oggi con noi. Grazie anche a Paolo Berdini, presente per il Comitato scientifico del nostro Osservatorio, e a Danilo Barbi, segretario confederale. Un grazie particolare ai compagni delle aree metropolitane che ci hanno sostenuto nella preparazione di questa iniziativa, e alle compagne del Centro Studi Alessandra Graziani e Giuliana Giovannelli, oltre che a Serena Morello e Luciana Galleoni, per il contributo dato nella ricerca e predisposizione degli atti di questa iniziativa.

Continua la lettura…

Lorenza Paoloni – La Fao e i farmers rights

Dal 24 al 29 settembre 2013 si è tenuta a Muscat (Omam) la quinta sessione del Governing Body dell’International Treaty on Plant Genetic Resources for Food and Agriculture (ITPGRFA). L’ITPGRFA, firmato a Roma nel 2001 ed entrato in vigore nel 2004, è noto come il Trattato che, introducendo per la prima volta nel circuito giuridico internazionale la figura dei “diritti degli agricoltori” (Farmers’ Rights) di cui all’art. 9, ha dato un riconoscimento ufficiale e formale all’apporto fondamentale fornito, nel corso dei secoli, dagli agricoltori e dalle comunità indigene impegnati nella conservazione, nello sviluppo e nell’uso delle risorse genetiche vegetali che costituiscono la base del cibo e delle produzioni agricole in tutto il mondo.

Continua la lettura…

Antonio Lupo – Sem Terra: no ai semi Ogm e ai pesticidi

Il congresso del Movimento Sem Terra, tenutosi a Brasilia lo scorso febbraio, ha celebrato 30 anni di lotte di massa, che hanno fatto assegnare ai contadini Sem Terra una quantità di terra pari a circa un terzo dell’Italia, frutto anche di grandi sofferenze, con la perdita di 1500 compagni/e assassinati dall’agrobusiness. Gli oltre 10 anni di amicizia e lavoro con loro mi hanno insegnato moltissimo: da lì vengono analisi e proposte che ritengo assai valide anche per l’Italia e l’Europa.

Continua la lettura…

Umberto Mazzantini – Dissesto Italia: un’inchiesta

Oggi un’insolita ma sempre più collaborativa alleanza, fatta dai costruttori dell’Ance, dal Consiglio nazionale degli architetti, dai pianificatori, paesaggisti e conservatori (Cnapcc), dal Consiglio nazionale dei geologi e da Legambiente, ha presentato #DissestoItalia, la prima grande inchiesta multimediale sul dissesto idrogeologico che sta annegando e sommergendo di fango il nostro Bel Paese. Un Paese che non sembra più in grado di reggere a un inverno piovoso.

Continua la lettura…

 

Rubrica di Giorgio Nebbia

 

“Tua per sempre”: la violenza sulla natura

“Tua per sempre”. E’ il messaggio che ci arriva da ciascuna delle conseguenze negative, durature, di tante violenze ambientali cui sono esposte la nostra, e molte future generazioni. Molti anni fa negli Stati Uniti un gruppo di studiosi pubblicò un libro intitolato: ”Il ruolo dell’uomo nel cambiare la faccia della Terra”, una storia delle modificazioni a lungo termine provocate dalle attività umane sulla natura, e quindi sulla salute e sul benessere umano.

Continua la lettura…

Geopolitica delle guerre

Ogni volta che qualche paese meno noto si affaccia nelle pagine dei giornali e nelle cronache televisive — dal Sahara, al Medio Oriente, al sud-est asiatico — potete stare certi che “dietro” c’è qualche materia che i grandi paesi industriali vogliono controllare.

Continua la lettura…

Demografia alimentare

Si fa cominciare con Robert Malthus (1766-1834) l’attenzione per l’”eccessivo” aumento della popolazione, rispetto al tasso di crescita delle risorse “alimentari”; al tempo di Malthus la popolazione mondiale era di 900 milioni e le considerazioni di Malthus valevano essenzialmente per l’Inghilterra e l’Europa.

Continua la lettura…

Charles Darwin, un grande naturalista

Da molti anni nel mondo, e dal 2003 anche in Italia, il 12 febbraio viene celebrato il “giorno di Darwin”, ricordando la data di nascita del grande naturalista. La vita e i contributi di Charles Darwin (1809-1882) meritano bene di essere conosciuti nei loro aspetti sia avventurosi sia rivoluzionari.

Continua la lettura…

 

Approfondimenti

 

Joao Pedro Stedile – E la terra tremerà!

Scarica il pdf

Ezio Manzini – Resiliente, locale, cosmopolita

Scarica il pdf

 

Memoria

 

Giovanna Ricoveri – Georges Perkins Marsh, geografo e umanista

George Perkins Marsh – “celebre geografo, fine giurista e accorto diplomatico” secondo Fabienne Vallino autrice della bellissima introduzione al suo libro più importante, L’Uomo e la Natura. Ossia la superficie terrestre modificata per opera dell’uomo, era nato all’inizio dell’Ottocento nel Vermont, allora coperto da immense foreste. Imparò dunque ad amare e a “frequentare” la natura sin dalla prima infanzia, e fu anche testimone dei “selvaggi, insensati disboscamenti” delle grandi foreste del New England, operati dai coloni quando si trasformarono in farmers.

Continua la lettura…

 

Recensioni

 

Pietro Redondi ed., La gomma artificiale. Giulio Natta e i lavoratori Pirelli, Guerini e Associati 2013 (Giorgio Nebbia)

Fabrizio Bottari, Contadini sulla strada. Il declino dell’agricoltura familiare, Pentàgora 2013

John Steinbeck, Furore, Bompiani, ristampa 2013 (Giorgio Nebbia)

 

Video

 

Segnaliamo la nuova trasmissione di Gad Lerner – Fischia il vento – che va in onda su LaEffetv, in particolare la seconda puntata sui “nuovi rivoluzionari”:

I nuovi rivoluzionari 1

I nuovi rivoluzionari 2

Come appendice dell’articolo Energie rinnovabili e comunità locali, segnaliamo la video intervista a Giovanni Carrosio:

Energie di comunità

 

Lascia un commento