Capitalismo Natura Socialismo - HOMEPAGE ECOLOGIA POLITICACNS - rivista telematica di politica e cultura
n. 3 - settembre-dicembre 1999, Anno IX, fasc. 27

INDICE
n. 3

INTRODUZIONE
   
 

Questo terzo numero di Ecologia politica-Cns è il secondo numero telematico perché il precedente era doppio, a copertura dell’arretrato dopo la pausa di due anni nel passaggio da rivista su carta a rivista su Internet.

I problemi nuovi che abbiamo incontrato, in questa esperienza, si riducono ad uno soprattutto, imparare ad usare il mezzo telematico e le opportunità che offre. In questo quadro, ci siamo mossi in due direzioni, da una parte abbiamo costruito un progetto grafico nuovo e più attraente (giudicherete voi lettori se ci siamo riusciti). Dall’altra, abbiamo cominciato a "dialogare" con i lettori, costruendo una "mailing list" di indirizzi telematici (sono già più di 200) di persone/associazioni/riviste alle quali far sapere che un nuovo numero della rivista è in rete. Ci auguriamo di ricevere tante risposte, con suggerimenti e contributi da inserire nella rivista.

Abbiamo cercato anche di ridisegnare la "struttura" della rivista, che per ora resta così definita: si apre con "l’introduzione al numero"; vengono poi gli "editoriali" (pezzi brevi, su questioni di attualità nelle materie di cui ci occupiamo, e cioè l’ecologia politica come definita nell’editoriale del numero scorso); seguono "gli articoli e i saggi", che sono la parte centrale del numero; infine le "notizie" e le "letture consigliate".

La sezione Editoriali ospita un commento sul Vertice del commercio internazionale di Seattle, negli Usa; una denuncia sui pericoli di "rilancio" del nucleare; una riflessione sulla "violenza della miseria" che drammatizza il problema della crescita demografica; una valutazione dei "circoli virtuosi" che potrebbero essere avviati da un aumento consistente del prezzo della benzina; una presentazione del piano di rottamazione delle automobili in Argentina, paese piegato dalla crisi dell’occupazione e dei salari.

La sezione Articoli e Saggi si apre con il profilo intellettuale di Rita Madotto, amica carissima ed "anima" di questa rivista nei suoi primi anni di vita. Rita ci ha lasciati l’estate scorsa all’età di 37 anni: siamo grati a Fabio Giovannini, che ha accettato di parlare di lei e del suo intenso ancorché breve percorso intellettuale. Segue la ripubblicazione di una saggio scritto da Rita Madotto nel 1995 sui rifiuti urbani, che ci pare ancora molto attuale.

Seguono due importanti saggi sulla storia ambientale-ecologica, rispettivamente di Giorgio Nebbia e James O’Connor. Nebbia, che privilegia la dizione "storia dell’ambiente", individua e descrive ben 17 "settori disciplinari" di storia dell’ambiente (dalla storia ecologica, all’ecologia della mente, alle associazioni ambientaliste ecc.). Manca, tra le 17 sezioni, quella di "ecologia politica", e non crediamo si tratti di una dimenticanza dell’autore! O’Connor, il cui saggio noi abbiamo preferito tradurre con "storia ecologica", affronta il tema della storiografia ecologica occidentale, collocandola nel solco della storia politica, economica e culturale degli ultimi due-tre secoli, e quindi nella logica che spiega lo sviluppo del capitalismo.

Seguono un saggio di Pier Luigi Poggio, che presenta una critica dell’antropocentrismo nato con la "modernità europea" e approdato poi all’individualismo, che l’autore ritiene ormai entrato in crisi. Un saggio assai originale di Claudio Santi, che problematizza il tema dell’emigrazione dal Sud del mondo, sostenendo che essa deriva dalla separazione traumatica - avvenuta nel Sud negli ultimi decenni - tra vita economica e vita sociale, comunitaria e culturale. Un saggio di Alberto Corbino, che documenta con una ricca messe di dati la distruzione ambientale della Colombia, causata anche dai metodi "violenti" con cui viene condotta la lotta ai produttori e ai trafficanti di droga in quel paese. Chiude la sezione un interessante articolo di Ugo Leone, che comincia a ragionare sui metodi possibili per "gestire" le risorse naturali, con la mediazione "locale" tra gli interessi coinvolti, a partire dai parchi che in Italia sono una novità rispetto agli altri paesi europei del Nord.

Chiudono il numero le notizie, che speriamo di poter arricchire anche con le vostre segnalazioni, e le letture consigliate, che per ora sono un elenco di libri e riviste, ma ci auguriamo possano diventare vere e proprie recensioni a partire dal prossimo numero.

Giovanna Ricoveri
g.ricoveri@libero.it

Dario Manna
ecologiapolitica@tiscalinet.it

Roma 18 novembre 1999

 

INDICE
n. 3